Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli SIRIA. GLI USA SI METTONO IN MOSTRA A FIANCO DEI CURDI, PER RIMANERE ANCHE A CONFLITTO FINITO


SIRIA. GLI USA SI METTONO IN MOSTRA A FIANCO DEI CURDI, PER RIMANERE ANCHE A CONFLITTO FINITO

di Enrico Oliari

Che gli Usa fossero attivi in Siria contro l’Isis (e non solo) lo si è sempre saputo, per quanto a suo tempo il presidente........

Barak Obama avesse stragarantito che nessun militare avrebbe mai messo lo scarpone sul suolo siriano. Fino ad oggi si è trattato tuttavia di operazioni semi-segrete, portate avanti da commando delle forze speciali, tuttavia in mattinata è stato diffuso un video ufficiale che mostra una postazione di artiglieria statunitense sparare proiettili da 155 millimetri su Raqqa, ex capitale e roccaforte dell’Isis (da aprile è Mayadin).
Sempre nella giornata odierna si è anche appreso che gli Usa hanno oggi nel Rojava, cioè nella parte settentrionale della Siria controllata dai curdi, ben 7 basi militari. Tra i molteplici scopi vi è quello di sostenere le milizie dell’Ypg, ala armata del Pyd, formazione politica ritenuta dai turchi alla stregua del Pkk cioè terroristica.
La cosa è stata rivelata al quotidiano panarabo al-Sharq al-Awsat da Saban Hammu, un comandante dell’Ypg, le Unità di difesa del popolo note per essere state il primo baluardo contro l’Isis con la vittoria di Kobane e per aver conseguito numerosi successi.
Nel marzo dello scorso anno le tre provincie a maggioranza curda di Kobane, Jazira e Afrin si sono costituite in regione autonoma: i curdi intendono far pesare l’impegno militare contro l’Isis per arrivare, a conflitto finito, ad un’autonomia simile a quella del Kurdistan Iracheno, un’ipotesi che Ankara potrebbe prevenire manu miltari (come già fatto con l’operazione “Scudo dell’Eufrate) e per cui gli Usa starebbero mostrando la loro presenza nell’area.
Come nel Kurdistan Irq. rimarrebbe stabile la presenza di militari statunitensi anche a conflitto terminato.
Al fine di tutelare i loro interessi i curdi non solo non si sono posti contro il governo siriano, ma ne hanno appoggiato i militari regolari in diverse circostanze, come in occasione della presa di Aleppo.

Fonte:Notizie geopolitiche