Direttore
Shorsh Surme
Shorshsurme@yahoo.it

info@hetawikurdistan.it

--------------------------


Leyla Zana
---------------------------


Regista Curdo Yilmaz Güney
**************************

Ruolo delle Donne Curde nella lotta
di Liberazione

*****************************

La questione curda non è piu'
affare di Iran e Tuchia


***************************************


I Medi: Gli antenati dei Curdi
*****************
La Campagna di Al Anfal contro i Curdi
*****************
Kurdistan dell'Iran: Crimini nel silenzio
*************************************
Perlepace.it

*************************************
Intervista con Gianni Vernetti
***************************************
In Iran non c'è solo
la questione Nucleare

************************************
Mortalità infentile:La campagna
Save The Children

*************************
D
iscorso di Obama al Cairo
*********************************
Intervista con Mirella Galletti

****************************

*******************************





 
Rivista Cuturale Curda Hetaw "Sole"
***********************


Castello di Dimdim,
epopea curda di A.Shamilov
******************




Kurdistan.Storia,
economia e risorse,
società e tradizioni,arte e cultura
di Shorsh Surme
Pendragon Editore

****************************


Il primo Dizionario Italiano - Curdo
1878 - Napoli
*****************************

Home Articoli La vita degli artisti in Kurdistan


La vita degli artisti in Kurdistan

di Adriano Sofri
La storia di Taha Aghajan, un attore famoso di cinema (The Face of the Ash, 2014) e soprattutto .......

di teatroLa guerra e le difficoltà economiche hanno ridotto di molto in Kurdistan le occasioni di lavoro per gli artisti, sicché, malgrado loro, è più facile incontrarli e abusare del loro tempo. Avevo appena conosciuto Taha Aghajan, un attore famoso di cinema (The Face of the Ash, 2014) e soprattutto di teatro. Nato a Khanaqin sessant’anni fa, Aghajan era venuto a vivere a Erbil, dov’era conosciuto da tutti anche per essersi portato dietro il contegno bohemien che in gioventù era stato proprio della sua generazione. Quando seppe di essere gravemente malato e di poter tentare delle cure per le quali non aveva i mezzi, Aghajan fece un pubblico appello a sottoscrivere per lui. Tenne a spiegarne la motivazione: vi chiedo di aiutarmi non per me, ma per voi. Non voglio che alla mia morte siate troppo tristi e vi sentiate anche in colpa. Aghajan è morto il 15 febbraio, di un cancro al cervello. Il Foglio